Alfredo Gilè è laureato al D.A.M.S con una tesi dal titolo “Dal liuto alla chitarra. Analisi evolutiva del processo storico culturale attraverso i secoli” e ha studiato chitarra classica al conservatorio di Palermo “; ha partecipato a diversi concorsi musicali; ha suonato in varie formazioni, spaziando da sonorità medioevali a quelle barocche; e dopo aver inciso il CD “ Illumina la via: musica, canto, poesia”, sta lavorando, di recente, a un album solista contenente musiche per chitarra sola ed arrangiamenti orchestrali.

alfredo-2-alfredo-1

Che tipo di formazione hai avuto?

La mia formazione è di tipo classica. Ho studiato al conservatorio chitarra classica e liuto per poi aprirmi a più generi passando dalla musica antica sino alle sonorità pop rock elettroniche.
Ho suonato chitarre classiche, acustiche ed elettriche e tutt'ora mi sto dedicando esclusivamente a quella classica.

Oltre a suonare, ti dedichi alla composizione. In che direzione ti stai muovendo?

Dal 1996 mi dedico alla composizione...anno in cui ho iniziato le mie prime sperimentazioni. La direzione presa attualmente è piuttosto particolare per via del mio modo di suonare ovvero una via di mezzo tra liuto e chitarra. Cerco di far uscire sonorità più delicate, ma anche quelle "pianistiche" senza tralasciare sfumature tipicamente antiche (rinascimentali o barocche). In più mi dedico da qualche anno alla composizione di colonne sonore e penso che la chitarra sia uno strumento che si presta benissimo.

Stai lavorando a un progetto dal titolo ''Mindfullnes''. Ce ne vuoi parlare?

Mindfullnes rappresenta la mia formazione culturale, ma è soprattutto un progetto di tipo emozionale. Ogni brano ha una storia particolare che riguarda momenti della vita e la parola d'ordine è sempre emozione. Ci saranno brani strumentali per chitarra sola e brani orchestrali per chitarra.

Hai affermato che: ''La musica è un emozione intensa che si trasmette liberamente, ma fuori da schemi prefissati e giudizi troppo spesso accademici''. Questo tuo messaggio sembra molto interessante. Vuoi approfondire il discorso?

Ancora oggi si parla troppo di accademismo e questo rischia di far precipitare la musica in un sistema "oscuro e monotono".
Il vero musicista è colui che crea ed è un po' quello che si faceva in passato: ognuno può essere un esecutore di più musiche, senza, però, soffermarsi troppo su uno spartito. Voglio dire che la composizione è una sorta di risveglio interiore che se coltivato può dare sfogo a qualcosa di straordinario ed originale. Non è da tutti...ma è pur sempre possibile.

alfredo-1-1

Si dice che oggi fare il musicista sia difficile. Qual'è la tua visione?

In effetti oggi vivere solo di musica è molto difficile. Essere bravi non basta più e per questo dico che ci si deve ritagliare uno spazio del tutto originale, senza cadere nelle banalità, per essere riconoscibili. Poi...la fortuna ed il caso aiutano sempre!

Ti puoi definire un musicista ''social''? Usi il web e i social per la tua attività?

In un certo senso si. Oggi i social media rappresentano la nuova frontiera della comunicazione e per promuovere la mia musica li uso anche io.

Sei iscritto su soundfeat. Cosa pensi di questa piattaforma?

Soundfeat sta aiutando tantissimi musicisti a farsi conoscere in un modo del tutto innovativo. Credo che Soundfeat sia una piattaforma ben strutturata che sta crescendo ogni giorno per dare una possibilità in più a tutti quei musicisti che abbiano voglia di mettersi in gioco. Più che consigliato ! Per me...10 e lode!

guitar-guitar-1

Angela De Gregorio