Quando sei motivato a realizzare qualcosa riesci ad avere un potere di concentrazione che non richiede fatica, anzi hai l'impressione di avere una forza dentro di te inesauribile. Non hai distrazioni, non hai altri pensieri, sei presente in quello che fai e in quello che vuoi ottenere. Questa è la forza della motivazione.


Se vivi ciò che fai come un obbligo, o se hai obiettivi confusi, sei maggiormente soggetto a calo di concentrazione e facilmente ti fai distrarre. Quindi devi capire cosa ti motiva veramente, perchè è quello che è in grado di stimolare la tua creatività, di accendere la tua passione e di portarti verso la realizzazione dei tuoi obiettivi e delle tue aspirazioni.                  

Ciò che rende un musicista speciale non sono soltanto le sue doti, la sua bravura e il suo talento, ma il modo in cui esprime la sua musica che rivela motivazioni profonde che lo guidano.
La motivazione è alimentata dall'immaginazione. Infatti molte persone di successo si creano un immagine dentro di sè di quello che sarà il loro futuro, di come desiderano che sia e questo li motiva a trovare il modo per raggiungerlo e farlo diventare realtà.
Molte persone da quando nascono o nel corso della vita sentono di avere una vocazione, una missione di vita che li indirizza. E' ciò che i buddisti chiamano daimon, il genio o il demone personale.


Scoprire la propria vocazione richiede spesso tempo. Ci sono bambini che sono già nei primi anni di vita attratti dalla musica; altri scoprono la loro vocazione durante gli studi, altri percorrono un altra strada per poi ritornare alla musica. Ma una volta trovata la propria vocazione, danno un significato alla loro vita e alimentano il coraggio di perseguire la propria strada.
Per trovare la giusta motivazione bisogna seguire e capire quali sono le proprie ambizioni, fare ciò che si ama fare, concentrarsi su poche cose davvero importanti e saperle sfruttare, in modo tale da avere più fiducia in sè stessi e nelle proprie capacità.
Sembra banale, ma molte persone vivono senza particolari interessi e ambizioni. Sviluppare le proprie doti non è difficile, ma non è cosi scontato farlo. Siamo cosi presi da tante cose da fare, mentre basterebbe semplicemente sceglierne poche, assumersi il rischio di fare delle scelte, prendere delle decisioni che ci indirizzano verso i nostro modo di essere.


L'aspirante musicista ha, in genere, una marcia in più nello scoprire le sue doti e aspirazioni, perchè senza particolari sforzi è già orientato verso la sua passione, ma è saperla mantenere nel tempo che è dura. Soprattutto quando la società impone delle regole preestabilite da seguire e che condizionano nelle proprie scelte.

Angela De Gregorio